Autismo: deficit nelle interazioni sociali

Eccoci di nuovo insieme per continuare l’approfondimento sulla patologia autistica. La settimana scorsa abbiamo iniziato a parlare dell’autismo e dei criteri per stabilirlo; questo lunedì per comodità divideremo in due parti  l’approfondimento del primo criterio che stabilisce la presenza del Disturbo dello spettro autistico: Deficit persistente nella comunicazione sociale e nell’interazione sociale. Questo criterio comprende sia l’aspetto delle difficoltà sociali e relazionali che quelle legate allo sviluppo del linguaggio e delle corrette modalità di comunicazione. Nello specifico, oggi parliamo del deficit nell’interazione sociale.

DEFICIT NELL’INTERAZIONE SOCIALE

Anche quando sono piccoli, alcuni bambini autistici non sollevano le braccia o non cambiano posizione nell’anticipare l’essere presi in braccio. Certi si lasciano coccolare, altri invece si irrigidiscono; spesso non sorridono o non guardano quando si rapportano con gli altri. Lo sguardo diretto è usato solo per brevi momenti e solitamente non viene utilizzato per dirigere l’attenzione verso oggetti di interesse. Altre volte vengono usati sguardi diretti inappropriati: i bambini ad esempio possono girare la testa di qualcun altro per essere guardati negli occhi. I familiari, così come le persone estranee, sono spesso ignorate in un’estrema chiusura autistica, anche se alcuni bambini realizzano veri approcci sociali, in cui comunque le modalità di conversazione o la modulazione del contatto visivo sono di solito qualitativamente inferiori alla norma. All’estremo opposto vi sono invece casi di approcci indiscriminati anche agli estranei (ad esempio i bambini possono essere incoscienti delle barriere psicologiche o essere descritti come soggetti che continuamente ed in modo inappropriato si mettono al centro dell’attenzione).

Nei rapporti con i coetanei, si evidenzia un’incapacità a sviluppare relazioni adeguate al livello di sviluppo del bambino. Si nota così una mancanza di interesse, o addirittura apparente mancanza di coscienza, per i loro pari o per gli adulti. Un bambino autistico può volere amici, ma solitamente non capisce il concetto della reciprocità e della condivisione di interessi ed idee che riguardano l’amicizia.

Manca in questi soggetti una ricerca spontanea di condivisione  e reciprocità di sentimenti con altre persone. Si tratta di soggetti che si isolano, non mostrano interesse verso gli altri bambini o per gli adulti e tendono a giocare lontano dagli altri. Alcuni coinvolgono altre persone in giochi strutturati e spesso ripetitivi, ma sembrano “assistere” al gioco, senza ascoltare alcun suggerimento o assumono un ruolo passivo nei giochi degli altri, seguendo le direttive altrui e mancando totalmente di iniziativa personale. Spesso non indicano cose o non usano il contatto visivo per condividere il piacere di guardare qualcosa con un’altra persona, né richiamano l’attenzione su oggetti di proprio interesse, non usano insomma quella che è chiamata ATTENZIONE CONDIVISA.

Un’altra peculiarità del disturbo autistico è costituita dalla difficoltà nel capire le regole sociali, in quanto non fissate una volta per tutte, ma diverse a seconda delle situazioni che ci si trova a vivere. A questo proposito Therese Joliffe, una giovane autistica  ad “alta funzionalità”, molto dotata, scrive:

“Trovo molto difficile capire le situazioni sociali e posso superare tale problema solo se ogni minimo passo, regola o idea mi vengono scritti e numerati in sequenza…ma anche in questo modo non ha alcuna garanzia di sapere sempre come, quando e dove applicare le regole, perchè il contesto sempre diverso da quello in cui le ho imparate mi confonde…La vita è sconcertante, una confusa interazione tra una massa di persone, fatti, cose e luoghi senza alcun confine. La vita sociale è difficile perché non mi sembra seguire uno schema. Quando mi sembra di aver cominciato a capire un’idea, se le circostanze cambiano anche solo leggermente, all’improvviso quell’idea non sembra più seguire lo stesso modello. Mi sembra che ci sia sempre troppo da imparare.”

Per gli autistici riconoscere i sentimenti degli altri e i loro è molto difficile; risulta estremamente complicato superare il livello letterale ed andare oltre le percezioni. Mentre gli altri bambini tendono a muoversi dall’astratto verso i dettagli e lo specifico, per gli autistici è diverso: la realtà, il dettaglio specifico li interessa di più (questa attenzione focalizzata è chiamata “iperselettività dello stimolo”) e non sono in grado di esaminare il mondo per similitudini e differenze, né sono in grado di raggruppare le loro percezioni. Spesso hanno difficoltà nell’interpretare il tono della voce o le espressioni del viso e appaiono inconsapevoli dei sentimenti altrui nei propri confronti e dell’impatto negativo del proprio comportamento sugli altri.

Si può descrivere il disturbo sociale dell’autismo come mancanza di empatia: il bambino è indifferente nei confronti dei problemi degli altri, non sa né fornire né ricevere conforto per se stesso.

Tuttavia questi bambini non possono essere considerati neutri dal punto di vista affettivo ed emozionale. Essi sono in grado di esprimere sentimenti (le risatine e gli attacchi d’ira sono prove sufficienti), anche se questi raramente sono adattati al contesto sociale nel quale vengono espressi. In particolare gli autistici presentano reazioni emozionali particolari, con stati estremi di felicità, ira, disagio etc…   Si è spesso notato che le persone autistiche non provano alcun senso di vergogna, colpa o modestia. Dato che risulta loro molto difficile comprendere i diversi tabù sociali, questi soggetti tendono a tenere lo stesso comportamento sia in pubblico che in privato.

Tuttavia, alcuni dei comportamenti anormali che si riscontrano negli individui autistici, potrebbero essere considerate non tanto come disturbi, bensì come qualità apprezzabili e positive. Gli autistici sono persone innocenti, franche ed oneste; non sono capaci di ingannare o fare colpo sugli altri; non sono manipolatori, né hanno un forte senso del possesso, per cui sono generosi e donano volentieri agli altri. L’autistico non si sa immedesimare con gli altri, ma neppure gode delle loro sfortune. Anzi, spesso è profondamente colpito dalla sofferenza altrui e mostra una giusta indignazione.

Tutte queste qualità delle persone autistiche compaiono nei romanzi e nelle leggende fin dai tempi antichi e c’è il pericolo che vengano dimenticate quando si parla del profondo disturbo sociale che le affligge. Al contrario, le caratteristiche positive e affettuose sono caratteristiche importanti, che vanno considerate accanto agli aspetti negativi del comportamento, così da avere una visione globale della natura dell’handicap.

Vi aspetto il prossimo giovedì per affrontare la seconda parte del criterio, ovvero quello legato alle difficoltà di comunicazione.

LA COMUNICAZIONE IN AZIENDA (E NELLA VITA): PARLARE NON SIGNIFICA COMUNICARE

Ebbene sì, lo ammetto…questo articolo si discosta un pò dalle solite tematiche sulla genitorialità e l’infanzia tipiche di questo blog. Tuttavia, cercando di fare ordine nel mio confusionario pc, tra vecchie bozze e riflessioni per gli scritti futuri, mi sono imbattuta in questo pezzo e, pur avendolo scritto un pò di tempo fa, mi sono accorta di come suonasse ancora incredibilmente attuale.

Domani sarà la festa della mamma e credo non ci sia occasione migliore per rispolverare alcuni concetti chiave della buona comunicazione, che possono servirci nel lavoro (alzino la mano tutte le mamme manager, impegnate a far quadrare carriera, famiglia e figli!) ma anche nella vita quotidiana. 

Per fare il mio augurio a tutte le mamme del mondo ecco allora non un articolo sulla figura della mamma, ma alcune dritte che possano aiutare tutte le mamme a relazionarsi meglio con gli altri, visto che … “genitori felici rendono i propri figli felici!”

Auguri a tutte le mamme, dunque, e buona lettura!

Continua a leggere “LA COMUNICAZIONE IN AZIENDA (E NELLA VITA): PARLARE NON SIGNIFICA COMUNICARE”