COSA FARE SE….VUOLE DORMIRE NEL LETTONE CON MAMMA E PAPA’

Ogni notte la stessa storia: singhiozzi e chiamate disperate dalla cameretta svegliano i genitori di Laura, 7 anni, che non riesce proprio a riaddormentarsi e vuole la mamma e il papà. Nel bel mezzo della notte Stefania e Luca accorrono dalla loro bambina che, piuttosto che provare a chiudere gli occhi e restare di nuovo da sola se le inventa proprio tutte: “Ho sete, mi porti un bicchiere d’acqua?“, “…davvero papà, ho visto un mostro sotto il mio letto!”, “Mi fa malissimo la pancia! E la testa! E il ginocchio!”. Fino alla fatidica domanda: “Posso venire a dormire nel lettone?”

Alla fine i genitori, esausti ed insonnoliti, cedono alla richiesta di Laura e il papà è costretto a dormire nel lettino per lasciare il posto alla bambina che, neanche a dirlo, nel giro di 3 minuti dorme placidamente attaccata alla mamma.

LA PREOCCUPAZIONE:

Perché i bambini hanno un così forte bisogno di dormire nel lettone con i genitori? Quando è giusto interrompere questa abitudine e qual è il modo migliore per riuscirci?

COME REAGIRE:

E’ importante ricordare che la notte rappresenta per i bambini un momento particolare che libera le paure nascoste e più profonde. Il buio, il silenzio, i genitori addormentati alimentano nella mente dei piccoli il timore di non essere protetti, di essere senza difese ed è così che la notte si popola di mostri e immagini paurose, che sono spesso elaborazioni di avvenimenti e incontri avvenuti durante la giornata.

Ecco allora che il lettone di mamma e papà diventa per i nostri figli il “nido sicuro” dove nulla di male può accadere, dove poter sentire la vicinanza fisica dei genitori, dove abbandonarsi senza timore al sonno. Se per i bambini piccolissimi questa consuetudine è accettata e considerata normale, le cose cambiano per i bambini più grandicelli.

In realtà non esiste un’età specifica in cui sia ritenuto giusto che il bambino abbandoni il letto dei genitori per dormire nella sua cameretta, ma sarebbe più corretto considerare il momento in cui si sentono pronti a fare questo passo. Ovviamente anche in questo caso è fondamentale la guida e l’aiuto dei genitori per favorire la spinta all’autonomia del proprio figlio.

In ogni caso, sia che si tratti di un bambino piccolo o di uno più grande, i genitori dovrebbero evitare di essere severi, di rimproverare o prendere in giro il bambino. Pensate sempre che quello che vostro figlio esprime spesso non è un semplice capriccio, ma una paura reale che prova e che non riesce a gestire.

E’ anche importante valutare se il desiderio di dormire nel lettone sia un’abitudine consolidata ed esistente da sempre in famiglia o se si verifichi dopo un periodo in cui il bambino ha dormito tranquillamente da solo nella sua cameretta. In quest’ultimo caso occorre indagare i motivi che hanno portato a questa “regressione”: possono infatti esserci stati avvenimenti che hanno turbato il bambino (ad esempio un cambiamento in famiglia quale la nascita di un fratellino o un trasloco, l’ingresso a scuola, una situazione di conflitto in famiglia o semplicemente la visione di un film troppo violento in Tv).

In alcune famiglie, infine, il bambino viene tenuto nel lettone dai genitori stessi, magari utilizzando il “capriccio” del figlio come alibi per giustificare il proprio bisogno di calore di fronte ad una relazione di coppia insoddisfacente.

IL CONSIGLIO:

E se la pretesa di dormire con i genitori fosse invece un modo per il bambino di rimanere piccolo, di fermarsi nella condizione di “neonato da accudire e coccolare”? Come possiamo noi genitori favorire la sua crescita ed autonomia e trasmettere l’idea che il lettone non deve diventare un’abitudine?

Occorre piano piano abituare il bambino all’idea che il dormire con i genitori è una coccola superspeciale a cui può rivolgersi nei momenti di necessità, ma che non deve diventare un’abitudine.

I genitori dovrebbero sempre creare le condizioni migliori per favorire l’addormentamento: fare dormire il bambino in orari regolari, creare una routine dell’addormentamento insieme (leggere una fiaba prima di dormire, bere una tazza di latte e miele, fare un gioco simpatico prima di andare a letto), farsi le coccole e coricarsi in un clima tranquillo e senza litigi favoriranno certamente il momento di passaggio dalla veglia al sonno e permetteranno al bambino di esorcizzare le sue paure.

Ti è piaciuto questo articolo? Se si, clicca mi piace alla pagina e, se vuoi rimanere aggiornato su tutti i nuovi articoli e sulle varie iniziative che svolgo nel mio studio di Psicologia, iscriviti alla Newsletter.

One thought on “COSA FARE SE….VUOLE DORMIRE NEL LETTONE CON MAMMA E PAPA’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...