6 MODI PER AIUTARE IL TUO BAMBINO QUANDO E’ PREOCCUPATO

Buongiorno a tutti e buon sabato pomeriggio!

Ecco qui un nuovo articolo in cui la psicologa americana Annabella Hagen ci parla dei bambini ansiosi e ci fornisce preziose strategie per aiutare i nostri figli a gestire preoccupazioni e momenti difficili.

QUI il link all’articolo in lingua originale.

Fatemi sapere se avete trovato spunti interessanti lasciando i vostri commenti. Buona lettura!!

Quando Emma aveva 7 anni , sembrava essere in piena crisi ogni lunedì mattina . Aveva sempre  mal di stomaco e non voleva andare a scuola . Inizialmente  la mamma la teneva a casa, credendo che fosse malata. Di solito, circa un’ora dopo, la mamma avrebbe trovato Emma che ridacchiava e giocava felice con la sorellina di 4 anni. Sembrava essere guarita miracolosamente.

La mamma spesso si chiedeva se Emma fosse stata sincera  e la minacciava di riportarla  a scuola. Immediatamente il forte mal di pancia della bambina ritornava.  Questa situazione si protraeva da abbastanza tempo da convincerla a portare Emma da uno specialista. La madre scoprì che la difficoltà di Emma non era l’essere diventata bugiarda o l’avere un problema di stomaco. Emma stava vivendo troppe preoccupazioni.

La storia di questa bambina probabilmente vi suona familiare se avete bambini sempre preoccupati. Sapete cosa sta accadendo e il perché i vostri figli lamentano continui mal di pancia?

Quando sperimentiamo una situazione di pericolo, come ad esempio un incendio o un grande cane che ci minaccia, i nostri sensi ed il nostro cervello attivano immediatamente un allarme di sicurezza (l’amigdala che si trova nel sistema limbico).    Questa, a sua volta, allerta le altre parti del nostro cervello affinchè prepari prontamente il nostro corpo alla lotta o alla fuga dal pericolo.

Il nostro Sistema Nervoso Autonomo rilascia gli ormoni dello stress nel nostro sangue per aiutare l’intero sistema. Anche se il sangue scorre costantemente nel nostro corpo, ogni volta che si verifica la reazione di lotta o di fuga vi è una modificazione del nostro flusso sanguigno.    Per esempio, dato che i componenti del nostro stomaco non sono necessari durante una situazione di pericolo di vita, il flusso di sangue allo stomaco  è ridotto in modo significativo e portato verso altre parti del nostro corpo che ne hanno più bisogno. Quando questo succede, ecco che arriva il mal di pancia.

A volte non c’è un incendio o un cane che ci insegue, ma solo il pensiero delle nostre preoccupazioni può attivare la risposta di lotta o fuga. Quando i bambini sperimentano preoccupazioni eccessive e mal di stomaco frequenti, stanno molto probabilmente vivendo la reazione di lotta o fuga .

Tutte le volte in cui i bambini non capiscono qualcosa, cercano di trovare un senso utilizzando la loro immaginazione. Tuttavia, più cercano di capire, più possono sentirsi preoccupati. La natura umana cerca sempre di sbarazzarsi delle sensazioni spiacevoli e dei pensieri negativi. Tuttavia, numerosi studi confermano che più cerchiamo di sbarazzarci di essi, tanto più vengono alla ribalta .

Invece di combattere i sentimenti, i bambini possono imparare ad apprendere abilità che gli permettano di sentirsi sicuri quando appaiono le “nuvole della preoccupazione”. Ecco di seguito alcuni suggerimenti:

  • Fate notare le condizioni del tempo ai vostri bambini

Fategli osservare che alcune nuvole sono grandi, altre medie e altre ancora piccole; sottolineate come esse arrivino e poi vadano via e come tutto cambi in ogni momento. Ricordate loro che i sentimenti sono un po’ come le nuvole. I vostri figli possono fare finta di osservare le proprie preoccupazioni proprio come se fossero nuvole volanti che passano nel cielo.

  • Insegnate ai vostri bambini a fare attenzione a ciò che li circonda e a ciò che accade intorno a loro

È in questo modo che i vostri figli potranno prestare attenzione al momento presente piuttosto che continuare ad alimentare le loro preoccupazioni cercando di sbarazzarsene.

  • Invitate i vostri bambini a fare attenzione al modo in cui respirano

 I vostri figli possono imparare a fare lenti respiri che vengono dalla pancia. Spiegate loro che questo non significa fuggire dai problemi, ma piuttosto permette di trovare un’ancora, come una barca nel porto mentre fuori infuria la tempesta.

  • Quando lo ritenete opportuno, condividete con loro alcune delle vostre preoccupazioni

I bambini hanno bisogno di sapere che anche i grandi a volte sono preoccupati. Ricordate loro che la preoccupazione è una risposta normale. È il modo in cui riusciamo a gestire le preoccupazioni che fa la differenza.

  • Aiutate i bambini a cogliere gli aspetti positivi delle loro vite quando attraversano momenti di difficoltà

Invece di cercare di liberarsi delle “nuvole delle preoccupazioni” i vostri bambini possono cercare di concentrarsi sui loro amici, animali, giochi o su altri interessi.

  • Create routines giornaliere

Fate praticare ai vostri figli la respirazione profonda (i respiri di pancia) e fate loro guardare alle loro preoccupazioni come se fossero delle nuvole.   Sviluppare insieme queste abilità in famiglia può essere divertente e trasmetterà ai vostri bambini il messaggio che si tratta di una cosa importante. Potete dedicare alla pratica della respirazione due minuti prima di mangiare, prima o dopo aver fatto i compiti oppure quando i bambini sono già a letto. Ad esempio, invitateli a chiudere gli occhi ed esercitarsi facendo respiri dalla pancia mentre immaginano nuvole che galleggiano nel cielo. Questo può essere un ottimo modo per concludere la giornata.

Non è facile crescere i propri figli e quando hanno preoccupazioni si è di fronte ad una sfida ancor più grande.  I vostri bambini possono imparare le abilità per gestire l’ansia. Ricordate: voi siete il loro modello.  Se riuscirete ad esercitarvi e fare pratica su voi stessi, diventerete in grado di guardare le vostre preoccupazioni galleggiare e potrete avere una mente più chiara. Tutto questo, a sua volta, vi aiuterà a godervi il vostro bambino ancora di più.

Ti è piaciuto questo articolo? Se si, clicca mi piace alla pagina e, se vuoi rimanere aggiornato su tutti i nuovi articoli e sulle varie iniziative che svolgo nel mio studio di Psicologia, iscriviti alla Newsletter.

One thought on “6 MODI PER AIUTARE IL TUO BAMBINO QUANDO E’ PREOCCUPATO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...