COSA FARE SE…. PRENDE BRUTTI VOTI A SCUOLA

Luca, 13 anni, torna a casa dopo la consueta mattinata a scuola con una faccia cupa e arrabbiata. Non vuole raccontarvi niente, non vuole mangiare e si rifugia in camera sua borbottando di lasciarlo in pace. Solo dopo un po’ di tempo e di ripetute domande riuscite a capire che anche questa volta il compito di matematica è andato male. Ormai da un po’ di tempo i voti a scuola hanno subito un drastico calo e non sapete cosa fare.

LA PREOCCUPAZIONE:

A cosa saranno dovuti questi comportamenti? Perché improvvisamente Luca non è più il bambino studioso di un tempo? Metterlo in castigo e obbligarlo ad impegnarsi di più è la strategia più efficace? Devo mandarlo a ripetizioni o provo a farlo ragionare e spiegargli che questo atteggiamento potrà essere un ostacolo per il suo futuro?

 

COME REAGIRE:

Innanzitutto ricordate che prendere un brutto voto non è piacevole per vostro figlio e, pur non ammettendolo, si sentirà sicuramente già abbastanza punito. Alcuni comportamenti sono da evitare e finiscono per essere controproducenti:

  • Umiliarlo di più (“Ma bravo…puoi davvero essere fiero di te!”)
  • Banalizzare la situazione (“Finchè studi così poco cosa ti aspetti? Puoi dare la colpa solo a te stesso”)
  • Colpevolizzarlo (“Sei proprio una delusione!”)
  • Punirlo (“Niente cellulare per una settimana!”)
  • Incolpare gli altri e scusarlo (“Hai ragione, il tuo prof è troppo severo…non ti capisce…”)

Un brutto voto indica che vostro figlio non ha capito bene quanto imparato; è importante che capisca che la scuola serve per imparare e che è normale per lui non conoscere delle cose. In questo momento il bambino ha bisogno di sostegno e di sentirsi capito nella sua frustrazione. L’errore commesso non va negato ma nemmeno trasformato in colpa, altrimenti il bambino potrebbe sentirsi incapace e ne risentirebbe la sua autostima.

I genitori dovrebbero comportarsi in modo empatico, sintonizzandosi sullo stato emotivo del proprio figlio. Potreste ad esempio dirgli “Sarai triste e deluso…non è piacevole ricevere un giudizio negativo…”. In questo modo si sentirà capito e sarà più facile per voi comunicare con lui. Spiegategli che gli errori sono un ottimo modo per migliorare ed imparare: “…non prendertela troppo per il voto, la cosa importante è che tu abbia capito che le equazioni non sono un argomento così chiaro per te. Ti va se le ripassiamo insieme? ”

 

IL CONSIGLIO:

Non agite d’impulso e sull’onda della delusione, trasformate gli errori in momenti di crescita costruttiva, senza alimentare il senso di colpa di vostro figlio o sminuire la sua autostima. Portatelo a riflettere sull’importanza di apprendere dagli sbagli passati per migliorare nel futuro.

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Se sì, clicca mi piace alla pagina e, se vuoi rimanere aggiornato su tutti i nuovi articoli e sulle varie iniziative che svolgo nel mio studio di Psicologia, iscriviti alla Newsletter

 

 

 

One thought on “COSA FARE SE…. PRENDE BRUTTI VOTI A SCUOLA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...